Gallery

Inglese
Italiano
Di seguito trovate una selezione di gallerie fotografiche dei nostri lavori, dalle piccole manutenzioni al ripristino di intere facciate, per permettervi di valutare la versatilità e le potenzialità dell'edilizia su fune rispetto a quella tradizionale.
  • Messa in sicurezza cornicione gronda

    Introduzione
    Le due gronde oggetto dei lavori di messa in sicurezza si presentavano gravemente ammalorate, la quasi totalità dell'intonaco era prossima al distacco, così come porzioni del calcestruzzo a protezione dei ferri d'armatura, in particolare nell'angolo di destra della gronda più alta.

    Messa in sicurezza

    Si è cominciato con i lavori dalla gronda più in alto, partendo dall'angolo destro che si presentava in condizioni peggiori.
    Si è quindi proceduto alla demolizione del cls pericolante, alla picozzatura dell'intonaco pericolante e all'asportazione di tutto il materiale ammalorato, rimuovendo circa il 90% dell'intonaco della gronda.
    Lo stesso procedimento è stato adottato per la messa in sicurezza della gronda più piccola in basso.
    Dopo la demolizione entrambe le gronde sono state spazzolate manualmente per rimuovere la polvere e i detriti più sottili.

  • Pulizia ascensori vetrati e ripristino della verniciatura

    L'intervento di pulizia ha interessato le vetrate esterne di 3 ascensori panoramici all'interno di un cortile condominiale, seguito poi da ripristini puntuali della vernice sulle strutture metalliche degli stessi.
    Gli operatori, procedendo dall'alto verso il basso hanno spazzolato manualmente tutte le strutture metalliche per rimuovere l'eventuale ruggine presente, procedendo poi con la pulizia manuale di tutti i vetri esterni sui quattro lati degli ascensori.
    Successivamente alla pulizia si è provveduto a ripristinare la vernice micacea su tutte le zone della struttura metallica che presentassero scrostamenti.

  • Ripristino e tinteggiatura frontalini dei balconi

    Introduzione
    I frontalini dei balconi dello stabile presentavano ampie porzioni prive di intonaco, in seguito al suo deterioramento e distacco; in alcune zone questo fenomeno aveva interessato anche il calcestruzzo a protezione dei ferri d'armatura, il quale risultava ammalorato o mancante.

    FASE 1 : Messa in sicurezza
    Dopo un primo esame visivo si è intervenuti su tutte le zone che si presentavano deteriorate, asportando tramite picozzatura l'intonaco ammalorato e prossimo al distacco, per poi procedere alla spazzolatura a mano delle stesse aree, al fine di prepararle al ripristino.

    FASE 2 : Ripristino

    Per ripristinare le porzioni messe in sicurezza, gli operatori hanno prima fissato le stagge di legno sui profili, per poi applicare con la cazzuola diverse mani di malta specifica per ripristino e rasatura.
    Una volta rimosse le stagge si è provveduto alla finitura delle parti ripristinate tramite frattazzatura con frattazzo di spugna.

    FASE 3 : Tinteggiatura

    Per preparare i balconi alla successiva tinteggiatura gli operatori hanno applicato a pennello una mano di fissativo sulla totalità dei frontalini, dei pilastri e dei profili inferiori.
    In seguito hanno applicato sulle stesse parti due mani di pittura al quarzo per esterni stesa tramite rullo e rifinita a pennello.

  • Sigillatura finestre

    In seguito a infiltrazioni d'acqua piovana in due delle finestre del 5°piano, si è resa necessaria la loro sigillatura e la verifica di tutte le finestre delle due file in questione.
    L'operatore, calatosi dall'alto, ha ripulito la zona da sigillare rimuovendo lo stucco ammalorato o già distaccatosi, per poi procedere alla sigillatura lungo tutto il profilo superiore dell'infisso con silicone specifico per esterni.
    Sono state monitorate e sigillate tutte le finestre delle due file oggetto dell'intervento.

  • Monitoraggio facciata e messa in sicurezza

    In seguito alla caduta di parte del rivestimento ceramico e all'intervento dei vigili, siamo stati contattati dall'amministratore dello stabile per monitorare e mettere in sicurezza la facciata.

    Abbiamo cominciato monitorando tramite picozzatura l'intera superficie della facciata, segnando con nastro adesivo tutte le zone in cui il rivestimento si rivelasse pericolante, per poi procedere all'asportazione delle stesse in completa sicurezza.

  • Assistenza idraulica

    L'intervento richiesto inizialmente è stata un'assistenza a terzi, nel dettaglio all'idraulico incaricato di controllare gli sfiati del riscaldamento condominiale, accessibili solo dal cornicione dell'ultimo piano.
    E' stata quindi installata una linea vita provvisoria lungo tutto il cornicione, in modo da permettere agli operatori su corda di ancorarsi, di poter poi assicurare anche l'idraulico alla stessa e consentirgli di lavorare in completa sicurezza.
    In seguito all'ispezione, per permettere all'idraulico di sostituire parte dei tubi, si è reso necessario demolire una porzione di uno degli sfiati, che che è stata poi del tutto ripristinata.


Pagine : 1  2  3